Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 6 novembre 2013

Quanti modi di fare e rifare lo stracotto di manzo con polenta


Oggi siamo a casa di Daniela, una cuochina no blogger che partecipa all'iniziativa "Quanti modi di fare e rifare..." e abbiamo preparato la polenta con lo stracotto di manzo! Buonissima! Io l'ho servita con delle belle verze ripassate in padella così diventa un piatto unico completo! 
Tra me e mio marito c'è sempre lo sfottò perchè a me la polenta piace alla terrona, con un bel sugo di carne, invece a lui piace di più bianca con i formaggi fusi! Ma questo l'ha mangiato volentieri anche lui!
Tra l'altro la polenta che vedete non è comprata ma è macinata da noi, abbiamo preso delle pannocchie di granoturco nei campi coltivati di nostro cugino, lui alleva le mucche per la produzione del latte per il grana padano quindi questi campi debbono rispettare tutte le normative per l'uso di pesticidi che praticamente non vengono mai usati, viene solamente trattato il terreno prima della semina, e non avete idea che profumo e che sapore ha! Niente a che vedere con la polenta insapore e inodore dei pacchetti sottovuoto del supermercato!
Vi giuro che la prima volta che l'ho annusata ho chiuso gli occhi e ho pensato a quelle furbone delle mucche che si cibano con questi cereali!
Dopo una piccola prova che abbiamo fatto l'anno scorso con qualche pannocchia, quest'anno ne abbiamo preparato ben 5 chili, e addirittura abbiamo comprato anche la pentola di rame!


Infatti ogni volta che prepariamo la polenta io faccio sempre un bel sugo con le salsicce e le costolette di maiale e il manzo così non lo avevo mai cucinato! Buonissimo e tenerissimo, ecco la ricetta di Daniela con le dosi e il procedimento fatto da me.



Ingredienti:
Dose per 4 persone:
  • 800 g di manzo (polpa di spalla, scamone o cappello del prete, nel reggiano suora) 
  • 1 carota 
  • una gamba di sedano 
  • una cipolla 
  • 2 spicchi d'aglio 
  • qualche chiodo di garofano
  • una spolverata di cannella
  • 400 g polpa di pomodoro
  • vino rosso secco
  • sale e pepe e olio extra vergine
In un ampio tegame rosolare la carota, il sedano e la cipolla tritati finemente con 3 cucchiai di olio e le spezie, aggiungere il pezzo di manzo intero e farlo rosolare da tutti i lati, a questo punto sfumare con il vino, e una volta evaporato aggiungere la polpa di pomodoro. Ho lasciato cuocere per 3 ore la carne girando di tanto in tanto. 

A fine cottura tagliare il manzo a fette e servirlo sulla polenta con il suo sughetto. 

Polenta per 4 persone: 
  • 500 g di farina gialla 
  • 2 litri di acqua fredda
  • sale 
Cuocere la farina gialla per circa ¾ d'ora in acqua salata, lasciandola abbastanza morbida.

16 commenti:

  1. Buongiorno carissima Stella
    grazie per la tua splendida versione dello stracotto di Daniela.
    E' sempre molto bello incontrarci in questo giorno dedicato al piacere di stare insieme, prova ne sono le stupende versioni fatte e rifatte da tutte noi.
    Io, Anna ed Ornella nel ringraziarti per la tua gradita partecipazione, ti invitiamo il prossimo mese a casa di JèAle per entrare nell'atmosfera natalizia con il Pampapato di Ferrara.
    Ti aspettiamo :)

    La Cuochina

    RispondiElimina
  2. ottima l'idea di servire il tutto con la verza ripassata, mi piace molto...un saluto

    RispondiElimina
  3. Ma che piatto favoloso, perfetto per la domenica, proprio come piace a me :) Adoro lo stracotto e complimenti per la vostra polenta, chissà che buona .. qui in Trentino la mangiamo molto dura, che resta in fetta e a me piace sia con il sugo della carne che con il formaggio :) Bacie buona giornata

    RispondiElimina
  4. Fantastico il fatto che vi fate la polenta in casa...davvero una bella fortuna!!!
    La ricetta è venuta benissimo!
    A presto!!

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia davvero la vostra polenta! Io ho fatto il puré per non ricorrere alle polente precotte e per non dover girare troppo.... Qui è tutto perfetto! Un abbraccio grande a presto

    RispondiElimina
  6. La qualità della polenta si vede tutta. Prendo tutto questo piatto e faccio scarpetta coi biscotti al parmigiano ;-) p.s. Anche io, come te, la preferisco alla terrona.

    RispondiElimina
  7. La tua polenta deve avere un altro sapore sicuramente.
    Anch'io la polenta in genere la mangio con un sugo di carne di maiale, mi piace anche con i formaggi fusi. :)

    RispondiElimina
  8. Ottima versione complimenti , anch'io uso una farina nostrana e confermo e' un altra cosa...... Bella idea le verze ci stanno benissimo!!!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
  9. ottima! io ho usato la precotta -.- causa tempo purtroppo!

    RispondiElimina
  10. caspita che attrezzatura... quel paiolo di rame con mescolatore incorporato è fantastico, puoi permetterti la polenta "menamena", noi la chiamiamo così... per il movimento che si deve fare durante la cottura... sai che io non l'ho mai mangiata con la salsiccia e le costolette... ma dove vivo!!! Un bacione grande!

    RispondiElimina
  11. Che bontà la tua polenta, merita in toto il paiolo!!!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  12. Addiritura anche la pentola di rame! Ma qui in Grecia i fornelli di gas praticamente non esistono, allora non saprei come utilizzarlo!
    Manco a dire che la tua versione è buonissima, ho invidiato proprio la tua polenta!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stella invidio moltissimo la tua polenta con farina macinata da te, deve essere buonissima, pensa che io per lavorare meno uso spesso quella istantanea.... buonissimo anche il tuo stracotto.
      Grazie: Daniela

      Elimina
  13. ciao Stella,
    che meraviglia questa è una polenta e un paiolo da 10 e lode!
    COMPLIMENTISSIMI e
    un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  14. Mia madre preparava spesso la polenta, io no! Ho il suo paiolo, ma non ho mai fatto la vera polenta, solo quella precotta! Mea culpa! Sono una terrona con sangue polentone! Dovrò provare la tua ricetta, è molto accattivante! Buona domenica e buon inizio settimana
    M.G.

    RispondiElimina