Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 15 marzo 2011

Danubio tricolore (o brioche a pizzico)




Ebbene si, questo mese non ho avuto esitazioni, quando la Alessandra ci ha proposto per l'MTC del mese di Marzo il danubio, nella mia mente lo avevo già progettato che era tricolore, visto che siamo nel vivo della settimana delle celebrazioni dei 150 anni dell’unità di Italia.

Lo terrò sul mio blog per tutta la settimana appunto perché 

SONO ORGOGLIOSA DI ESSERE ITALIANA!

Qui sul mio blog ne ho postate varie versioni ma non mi ero mai documentata sulla storia di questa preparazione e quindi visto che la nostra cara Alessandra lo ha fatto lo riporto anche qui! La storia è interessante, anche perché io sono entrata nella famosa pasticceria Scaturchio diverse volte in vita mia (è li che ho cambiato opinione sul babà) e ero ignara di tutto!

"Posso raccontarvi come è nato il Danubio? Questo "fiore" di briochine farcite viene creato dalla pasticceria Scaturchio, una vera istituzione a Napoli e famosa anche fuori dai confini della città. Il suo fondatore, Giovanni, era arrivato, a 13 anni, dalla natia Calabria (la Calabria,alla fine, in qualche modo c'entra), per raggiungere i due fratelli più grandi, che già lavoravano nel campo della pasticceria. Inizia il suo apprendistato, ma arriva la prima Guerra Mondiale e gli tocca partire per il fronte,insieme agli altri “ragazzi del ‘99”. Lì,nonostante la guerra, ha modo di conoscere Marianna, una ragazza austriaca, che, una volta finita la guerra, sposerà e porterà con sé a Napoli. Ben presto nasce Ivanka, la prima di sei figli e Giovanni decide che è tempo di mettersi in proprio, lascia il fratello presso cui lavora ed apre una sua pasticceria, nella storica sede di Piazza S. Domenico Maggiore. La pasticceria inzia a farsi un nome, grazie alla elevata qualità dei suoi prodotti e grazie ad una specie di grande cioccolatino, chiamato “ministeriale” (il quale ha anch’esso una storia affascinante,ma, magari,ve la racconterò un’altra volta).In questo fervore creativo, Giovanni, ispirandosi ad una preparazione dolce,diffusa in tutta la Mitteleuropa, crea anche il Danubio, decidendo di chiamarlo così, in onore del Paese di origine della moglie" . Da quel momento, inizia la “marcia trionfale” del Danubio, che abbandonerà l’ombra del Vesuvio, e lo porterà ad  affermarsi come una preparazione di sicuro gradimento per buffet e ricevimenti in tutta Italia"
Mariella Di Meglio


La ricetta proposta da Tery, la vincitrice dell’MTC di febbraio, con le sue polpettine di baccalà prevede questi ingredienti, e sono proprio contenta che l’unico elemento che non dobbiamo cambiare sia proprio l’impasto perché questo non lo avevo mai provato e debbo dire che è veramente fantastico, profumato, fragrante, peccato che non hanno inventato ancora le foto olfattive perché appena rompi o addenti una pallina esce un profumo che è da non crederci!

Ingredienti:

500gr di farina (300gr manitoba, 200gr farina 00)
150gr di latte (anche 160, 170, regolatevi in base all'assorbimento della farina)
3 tuorli ed 1 uovo intero
1 cucchiaino di sale (circa 8-10 gr)
10gr di lievito di birra
40gr di zucchero
1 cucchiaino di miele
80gr di strutto
20gr di burro
Procedimento:

Sciogliete il lievito nel latte tiepido insieme al cucchiaino di miele.
Una volta sciolto aggiungere la farina e iniziare ad impastare.
Unite l'uovo intero e 2 tuorli (uno tenetelo da parte), lo zucchero ed impastate fino ad assorbimento.
A questo punto aggiungere l'ultimo tuorlo rimasto con il sale e fate assimilare completamente all'impasto.
Quando le uova saranno completamente amalgamate unite lo strutto e il burro e impastate fino a che non siano completamente assorbite.
A questo punto continuate ad impastare fino a che l'impasto non sia incordato.
Per rendervi conto vedrete che man mano l'impasto diventerà liscio, lucido e pulirà la ciotola.
Quando arriverete a questo punto fate la prova del velo, cioè staccate un pezzetto e stendetelo finchè non riuscirete a vederne la trasparenza. Se si rompe prima di arrivare a questo punto dovrete continuare ad impastare.
Quando l'impasto sarà incordato mettere a lievitare in luogo tiepido fino al raddoppio.

Io avendolo fatto tricolore non ho aspettato che l’impasto lievitasse completamente, ma dopo circa un’ora ho diviso l’impasto in 3 e ho rimpastato la parte verde con un cubetto di spinaci surgelati cotti al vapore e frullati. In questo caso avendo aggiunto ulteriori liquidi nell’impasto ho aggiunto qualche cucchiaio di farina.

Poi per l’impasto rosso ho aggiunto 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro e 2 cucchiaini di paprika dolce. Anche in questo caso ho aggiunto qualche cucchiaio di farina perché l’impasto era diventato troppo liquido.



Ho diviso il tutto in 3 ciotole e coperte con pellicola trasparente e messe a lievitare per un’altra ora in forno tiepido.

Trascorso il tempo necessario, sgonfiate l'impasto e formate 6 panini per colore, schiacciateli  con le mani per formare dei dischi e porvi al centro il ripieno.

Io nell’impasto verde ho messo ricotta spinaci condita con un po’ di sale, grana padano, noce moscata e striscioline di prosciutto crudo dolce.

Nell’impasto bianco ho messo del semplice prosciutto cotto e provola dolce.

Nell’impasto rosso ho messo peperoni cotti in padella a cubettini con cipolla, 1 cucchaiaio di passata di pomodoro e olive nere e scamorza affumicata (l’ho tenuto interamente vegetariano!).






Chiudete i dischi sigillandoli sul fondo in modo da formare un paninetto. Nel sigillare, cercate di stendere la superficie della pasta in modo da non formare grinze e avere un effetto liscio.
Formate tutte le palline e adagiarle su una teglia, nel mio caso rettangolare con carta forno, e disponete i paninetti vicini, ma non attaccati. Io ho spennellato con una emulsione di 2-3 cucchiai di latte e un tuorlo.




Far lievitare fino al raddoppio in forno tiepido (almeno 1 ora).


Spennellate ancora con l’emulsione e mettere a piacere anche dei semini, io in questo caso ho separato anche per colori, sul verde ho messo dei semi di girasole, nel bianco ho messo dei semi di sesamo e sul rosso ho messo dei semi di papavero, infine procedere alla cottura  in forno caldo statico io a 200° per 15 minuti con una ciotola di acqua nel forno, in modo che il danubio mantenga il più possibile la morbidezza. 

Particolare invitante :-)




Se non si è capito con questa ricetta partecipo all'MTC di marzo:


39 commenti:

  1. Ma che bello, complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  2. Io lo sapevo che sarebbe venuta fuori questa delizia spettacolare!
    Perché non partecipi al contest di Antonella?
    http://lacucinadiantonella.blogspot.com/2011/02/contest-ricetta-per-un-italia-unita-o.html
    Bacio

    RispondiElimina
  3. bellissimo, brava....e chissa che buono slurppp

    RispondiElimina
  4. Silvia....sei la migliore!!!!
    BRAVA!!!!!

    RispondiElimina
  5. stupendo! lo faccio il 17 mi piace il danubio e si presenta benissimo. ti ho scoperto solo adesso... ma parteciperò al tuo contest. saluti golosi marica

    www.cookingwithmarica.net
    info@cookingwithmarica.net

    RispondiElimina
  6. stupendo! davvero geniale!!!!

    RispondiElimina
  7. Ma guarda che ideuzza. Molto originale! Un bacio

    RispondiElimina
  8. @ Valentina più che bello è buonissimo ;-)

    @ Kika quindi te lo aspettavi così?

    @ Cranberry/mammapapera grazie troppobbbbuonw!

    @ Paola troppo buona anche tu, un bacio!

    @ Marica allora buon lavoro!

    @ Eleonora e Saretta grazie anche a voi! Me li prendo tutti i complimenti visto che ci ho messo mezza giornata a farlo :-)

    RispondiElimina
  9. ciao mi chiamo chiara, ho scoperto per caso il tuo blog, attirata dalla foto di questo Danubio, che fa proprio al caso mio!
    tra una settimana farò una cena tutta con piatti italiani, per una mia amica che torna dagli USA e volevo fare un pane che fosse tricolore e penso proprio che farò questa ricettina...^_^
    ciao ciao
    chiara

    RispondiElimina
  10. Stella: che bello il tuo danubio! Avevo avuto anch'io l'idea di farlo tricolore, vista 'importantissima ricorrenza, ma l'hai già fatto tu....!!! Devo farmi venire un'altra idea... :-)

    RispondiElimina
  11. @ Chiara buona cena italiana allora!

    @ Ale puoi sempre fare un tricolore dolce no? ;-)

    RispondiElimina
  12. stella, te possino!!! :-)))))
    grandissima idea, ma davvero grande!!!
    e, fra l'altro, bell'armonia pure con i ripieni... mi sa che questo te lo copieranno in molti, sai? io, di sicuro!
    grazie per la partecipazione
    ale

    RispondiElimina
  13. geniale ed in tema....brava,

    RispondiElimina
  14. Hai ragione, ma sono più orientata sul salato... :-) Nei prossimi giorni mi metterò al lavoro!

    RispondiElimina
  15. Ma e' un'idea favolosa, e te la copio per la prossima cena con amici italiani!!!

    RispondiElimina
  16. troppo carino e troppo buono complimenti stella....
    bella idea..
    by lia

    RispondiElimina
  17. Ma che bello eh????? E bellissima anche l'idea di partenza, bisogna sostenerla la nostra Italia!! Bravissima!

    RispondiElimina
  18. bello Silvia, e molto scenografico, bes !!!

    RispondiElimina
  19. wowwwwwwwww è favoloso!!!!!

    RispondiElimina
  20. SPETTACOLARE!!!! E' da podio!!! Complimenti
    Cris

    RispondiElimina
  21. Ma dai!!! Che meravigliaaaa!! Sei stata bravissima e complimenti per l'idea geniale!! Un bacione cara.

    RispondiElimina
  22. fantastico!!!
    è bello da vedre e da mangiare :P una buonissima idea! W l'Italia!

    RispondiElimina
  23. Tutto bellissimo, la ricchezza della ricetta, i ripieni, i colori....insomma, difficile riuscire a starti dietro eh!!!

    Un bacetto, Fabi

    RispondiElimina
  24. Ottima e patriottica idea, stella!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  25. Ciao Stella, ero passata ieri sera ad ammirare il tuo Danubio, se fossi in te mi organizzerei su che ricetta proporre per il prossimo mese ;-)
    Sai che io ho un debole per la "creatività" in cucina e mi piace giocare con il colore quindi sai che i complimenti sono davvero sentiti.....complimenti davvero..anche per il significato che hai dato al tuo Danubio..

    RispondiElimina
  26. Ciao Stella, ero interessata al raduno ma non riesco a visualizzare il tuo indirizzo e mail per scriverti privatamente!

    RispondiElimina
  27. Bravissima, Bravissima, bravissimaaaaaa!!!!!!
    E' meravigliosa questa composizione!!!! chissà se un giorno riuscirò a farla!!!!

    RispondiElimina
  28. @ Ale davvero sarai la prima a copiarmelo? 
    @ Fabiola addirittura geniale? Ma grazie 
    @ Stefy e siamo già a 2! Dai!
    @ Lia grazie, sei sempre troppo buona!
    @ Tery non solo bello, ma un profumo così con il tuo impasto mai sentito, eh?
    @ Chab trovi?
    @ Fede wowwwwwwwwww grazieeeeeeeeeeeeee!
    @ Cristina addirittura pensi al podio, dai!
    @ Manu grazie ma io gli spinaci li infilo dappertutto!
    @ Gio a volte le idee non mancano è quando le metti in pratica che c’è la vera sorpresa ;-)
    @ Fabiana addirittura??????
    @ Cle grazie, è che siamo in tema patriottico in questo periodo 
    @ Accantoalcamino grazie per i complimenti anche io come te sono per la cromoterapia, anche in cucina!
    @ Chiaretta ti scrivo subito!
    @ Fiorella grazie grazie grazie!!!!

    RispondiElimina
  29. che originalità!
    e delizioso questo blog.. non possiamo non seguirti ;)
    passa a trovarci!
    baci
    MMM
    www.modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  30. cacchio bellissimo.. ti posso dire una cosa??? incredibile.. io ho fatto ieri una treccia tricolore in cui ho colorato la pasta con pomodoro e paprika. latte, spinaci e riempita delle rispettive verdure.. cacchio quindi non sono l'unico ad averla pensata così.. che bello fa sempre piacere vedere che c'è altra gente che pensa alle stesse ricette :D

    complimenti un bacione. quando posto la mia spero ti piaccia :D hihihihi
    un bacione

    RispondiElimina
  31. Ma lo sai che questo Danubio tricolore è spettakolare??? :-p

    Meravigliosi anche i ripieni e mi permetto di aggiungere che sono contenta di leggere che qualcuno è orgoglioso di essere Italiano, dopo anni che leggo di gente che vuole emigrare in Spagna. :-)))

    RispondiElimina
  32. @ ModeMuffin grazie arrivo subito!!!!!!!!!!!!!!!!
    @ Papero non vedo l'ora di vedere la tua treccia!
    @ Mapi la Spagna sta messa peggio di noi, pero' ci vado volentieri in vacanza ogni estate ;-) Baci!

    RispondiElimina
  33. Bellissimo Stella!!!!!!!! Bravissima!!!!!!

    RispondiElimina
  34. meraviglioso ! davvero una bellissima idea

    RispondiElimina
  35. @ Nico grazie troppobbbuona ;-)

    @ Ale davvero ti piace l'idea? ;-)

    RispondiElimina
  36. vedi che lo sapevo che il danubio veniva dall'austria!!! bella la storia che ci hai raccontato, una storia di tanti italiani che superando le difficoltà sono riusciti a trovare la loro strada nella vita...

    e bellissimo il tuo danubio tricolore, che dev'essere anche buonissimo!

    complimenti veramente!

    RispondiElimina
  37. Il tuo Danubio l'avevo già visto, è molto originale e adattissimo al momento, mi piace un sacco. vedo che sei molto attiva nel blog e ci sono molte ricette interessanti. complimenti anche per la splendida bimba che hai. un caro saluto, marica

    RispondiElimina
  38. ...questa focaccia è uno spettacolo!!! E il fatto che sia colorata la rende ancora più bella, vien voglia di mangiarla!! :D

    RispondiElimina