Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 23 aprile 2012

pizza di scarole in versione danubio





















Stasera sono troppo contenta, oggi ho conosciuto tante belle donne, ci siamo incontrate a Milano e abbiamo passato una giornata bellissima, le ore sono passate veloci, e quando sono andata via, mi sono resa conto che potevamo stare li a chiacchierare per 4 giorni di seguito e non avremmo finito gli argomenti.
Ho finalmente conosciuto l'incontenibile Alessandra, ho rivisto la mia amica Dauly, la mia gioia Chiara, la mitica Nora, la simpaticissima Franci, la Vitto, Roberta, Giulia, la mitica Cardamoma, oddio, non mi ricordo più quante eravamo, so solo che non ci sarebbe bastata una settimana per conoscerci tutte!

Ci sono cose che non si sa per quale motivo aspettiamo anni prima di provare a farle, e la pizza di scarole è una di quelle. A dire il vero non c'è niente della cucina napoletana che non amo, infatti non so per quale motivo ma non ho mai preparato un casatiello, sempre mangiati quelli offerti da colleghi napoletani, dovrò rimediare al più presto.
Anche se è tradizione a Napoli di prepararla il 24 dicembre a pranzo, sono decisamente fuori stagione.
In vista della grande abbuffata del cenone della vigilia, a pranzo si sbocconcella qualcosa di leggero.
E direte voi, come ti è venuto in mente di farla nel danubio?
Semplice, cuocendo la scarola non avevo pensato che una volta cotta bastava a fare una pizza di 10 cm di diametro, quindi mi è venuto in  mente di fare 12 piccoli paninetti, e debbo dire che l'idea mi è piaciuta molto.

Ingredienti per la pasta:

400 gr di farina 0
4 gr di lievito di birra fresco
200 gr di acqua
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di olio extravergine

Lavorare l'impasto e farlo lievitare in frigo 24 ore. Il giorno dopo sgonfio l'impasto e dopo 2 ore faccio 12 paninetti.

Per il ripieno:

1 cespo di scarole
1 pugno di pinoli
1 pugno di olive taggiasche
2 filetti di acciuga sottolio
1 scalogno

Soffriggere in una capiente padella lo scalogno con un filo di olio, far sciogliere i filetti di acciughe, far appassire la scarola tagliata sottile, aggiungere i pinoli, le olive, salare e io ho messo anche abbondante peperoncino. Una volta fredda riempire i panini e sistemarli in una teglia di 24 cm di diametro, spennellarli con latte e olio e farli lievitare al caldo per almeno 1 ora.
Cuocere in forno statico a 200° per 20-25 minuti.

Con questa ricetta partecipo al contest organizzato da Dauly ricette ripiene.





23 commenti:

  1. splendida idea davvero !! brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, ma al più presto la voglio fare tonda classica però ;-)

      Elimina
  2. perfetto cara, aggiungo il link, grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! Ora vedo se riesco a fare qualcosa anche per le altre categorie!

      Elimina
  3. Ciao, hai avuto una bellissima idea! Io questa pizza l'ho assaggiata per la prima volta a un corso, ricordo che mi era piaciuta moltissimo ma, nonostante abbia sempre della scarola in frigo, non ci sono mai state occasioni per rifarla. Potrei provare con questi tuoi paninetti! Buona serata Liz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Poi tra l'altro mi sembra che nella ricetta originale ci sia anche l'uvetta ma io non l'ho neanche citata che non ci piace :-)

      Elimina
  4. Che aspetto ciccioso e goloso!
    A presto
    Gialla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gialla, si a me il danubio piace proprio perchè diventa morbido morbido!

      Elimina
  5. Risposte
    1. In effetti in versione danubio non l'ho vista in giro :-D

      Elimina
  6. Ciao tornado di donna!
    La pizza di scarole l'ho conosciuta recentemente grazie al contest The Recipe-tionist e a Murzillo saporito. Mi è piaciuta tanto ma questa tua versione è splendida! La vedo bene su un buffet presentata come in foto.
    Brava!
    A presto (spero!)
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao cara! Mi vedi come un tornado? Maddai? Ero anche molto calma sabato scorso :-D baci

      Elimina
  7. ...DOLCE O SALATO....STELLA CARA...NON SBAGLI UN COLPO!!COMPLIMENTI!! BACI

    RispondiElimina
  8. Ciao, ma così in versione danubio è quasi quasi più buono! Ottimo ripieno gustoso e saporito!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando farò la versione pizza ti dirò ;-)

      Elimina
  9. MA QUANTO E' BUONO IL TUO DANUBIO.....DA MANGIARE IN UN SOL BOCCONE....BACINI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, pallina dopo pallina l'ho mangiato quasi la metà caldo caldo :-D

      Elimina
  10. Il nostro inontro è rimandato di un mese ... non sai quanto mi è dispiaciuto non averti potuto rivedere! Ma ci rifaremo. Un bacione!

    RispondiElimina
  11. Hai trovato un modo originale ed elegante per presentare un classico della tradizione. Bravissima!

    RispondiElimina
  12. Buona la pizza di scarole! Brava nel trasfromarla in versione danubio! Originalissima!
    Terry

    RispondiElimina
  13. idea molto particolare ho preso appunti

    RispondiElimina