Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 6 giugno 2012

le puccette pugliesi per quanti modi di fare e di rifare




Non avevo mai sentito parlare di questo pane, ed è questo il bello di partecipare a questi giochini tra blogger che ti danno l'opportunità di conoscere tante altre blogger, ognuna con una sua storia, ognuna con le sue tradizioni, e questo mese Vale ci porta proprio in Puglia, a preparare questi panini, per l'iniziativa di Anna e Ornella con quanti modi di fare e rifare:



Da wikipedia ho scoperto che "Le pucce sono forme di pane aventi diametro di circa 20-30 centimetri facenti parte della tradizione culinaria della Puglia centromeridionale. In particolare tale tradizione è molto diffusa nel Salento.

La "Puccia caddhipulina" è una variante della puccia e viene preparata nella cittadina di Gallipoli il 7 dicembre, la vigilia della festa per l'Immacolata concezione. Si tratta di una forma di pane con molta mollica che in passato veniva condita con capperi e acciughe successivamente il benessere ha portato ad aggiungere tonno, pomodori, e tanto olio extravergine d'oliva. Tradizione Gallipolina, viene prodotta in vari formati che partono dai 250 gr sino ad un chilogrammo. La tradizione è tutt'ora molto viva tra gli abitanti della citta.
Le uliate sono più piccole ed hanno nell'impasto olive in salamoia.
Vengono consumate in occasione della vigilia del giorno dell'Immacolata, tradizione vuole che in questo giorno si faccia digiuno mangiando solo una puccia, in questo modo le donne hanno il tempo di seguire i riti religiosi legati alla festività.
In provincia di Taranto, soprattutto nella zona orientale, viene chiamata "Puccia alla vampa" (alla fiamma) e l'impasto della puccia è di farina di semola. Viene preparato un disco di pasta e infornato, il disco man mano che cuoce aumenta di volume. Il risultato è un disco di pane morbido con pochissima mollica. La tradizione tarantina e salentina la vuole farcita con sementa di pomodoro, olio extravergine d'oliva, sale e ricotta forte, oppure con le rape stufate.
Pulsano e Lizzano è tipica inoltre la preparazione di una focaccia chiamata "Puccia alla tajedda" (puccia in teglia) che ha un ripieno di cipolle, olive, capperi, acciughe, pomodori e peperoncino. Pur portando lo stesso nome del disco di pasta, in questo caso la puccia è una focaccia ripiena."

Ingredienti per 9 panini:

500 gr di farina 0
250 di patate lesse schiacciate
10 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaio di olio extravergine
1 cucchiaino di sale
acqua q.b.

Lessare le patate e schiacciarle con lo schiacciapatate.
Una volta che sono tiepide metterle assieme alla farina dell'impastatrice, aggiungere il lievito e impastare piano piano, aggiungendo acqua, olio e infine il sale. Io per l'acqua ho fatto a occhio, perchè ogni farina assorbe i liquidi in modo diverso.
Dopo una mezz'ora ho messo l'impasto sul tavolo da lavoro, l'ho diviso in 9 parti e formato dei panini.
Ho messo un foglio di carta forno sulla placca da forno e sistemato i panini, li ho fatti lievitare nel forno caldo ma spento per circa 45 minuti, prima di infornarli ho schiacciato le puccette con la punta delle dita, e cotte in forno già caldo alla massima temperatura, mettendo nel fondo del forno una ciotolina con dell'acqua, per circa 30 minuti.

Io poi l'ho assaggiata cosi':



25 commenti:

  1. Che belle me le segno!!
    buona giornata bacioni!

    RispondiElimina
  2. Che meravigliosi profumi e che squisiti ripieni in quelle puccette così morbide e gustose! Grazie per la tua bellissima versione :-D

    Cuochina

    RispondiElimina
  3. Ma quanto sono buone? Non smetto più di sfornarle :) E i pomodori...la morte loro! bacioni, buona giornata

    RispondiElimina
  4. ops...20-30 cm di diametro (quelle originali)??? io le ho fatte non più grandi di 5 cm per un effetto finger food ...e trovo stupende le tue con i pomodorini!!!

    RispondiElimina
  5. Che belle le tradizioni culinarie italiane si fanno delle scoperte interessantissime pensa che pur andando in Salento tutte le estati non conoscevo questo pane....bellissime con i pomodorini!
    francesca

    RispondiElimina
  6. Ma cara, ti sei informata bene!!
    Io sono di Taranto e conosco la puccia alla vampa, è buonissima!! Ma non è fatta con le patate, è solo pasta di pane.
    Ma se si parla di puccia pugliese allora è quella salentina.
    Grazie per le ricerche, sono tornata per un attimo nella mia terra di origine.
    Anche il tuo companatico, oltre alle puccette, è meraviglioso

    RispondiElimina
  7. ma quanto ti sei data da fare per queste puccette?? sei risalita alle origini

    ti son venute perfette e dalle foto fanno veramente venire voglia di dar loro un morso!!

    RispondiElimina
  8. Quante belle informazioni in aggiunta cara Stella a queste meravigliose puccette! Grazie :-)

    RispondiElimina
  9. Come si dice dalle mie parti con i pomodori "sono la morte sua". Buone!

    RispondiElimina
  10. ti sono venute veramente bene e per me il pane con i pomodori e' sempre imbattibile. ciao! Barbara

    RispondiElimina
  11. a leggere tutte quelle varianti con quei condimenti mi viene voglia di provarle tutte!
    belle soffici le tue, ho visto che hai messo più patate di me, è stato meglio!

    RispondiElimina
  12. mi segno anche questa splendida ricetta, grazie Stella!!!!

    RispondiElimina
  13. chissà che buone con le olive ! grazie per le informazaioni! bellissime anche le tue puccette!

    RispondiElimina
  14. oggi ho scoperto l'esistenza di queste puccette...che dirti?! Sfiziosissime!

    RispondiElimina
  15. Buone vero??? e grazie delle informazioni sulle origini..davvero interessanti! La farcitura con olio e pomodoro esalta il loro gusto, senza sovrastarlo...ottima idea! baci

    RispondiElimina
  16. Brava Stella e grazie per le tue informazioni... che buone con questi pomodorini!

    RispondiElimina
  17. La nostra "Piero Angela", olio e pomodoro, d'estate la mia merenda è proprio pane, olio, pomodoro, grande stella,!!!

    RispondiElimina
  18. B U O N I S S I M E in tutta la loro semplicità, mi piacciono tanto!

    RispondiElimina
  19. Da pugliese io adoro le pucce ma poichè sono di Bari e qui le pucce sono solo di "importazione", le mangio solo quando vado in Salento...e lì davanti ad un mare meraviglioso sono tutta un'altra cosa!

    RispondiElimina
  20. Che interessanti informazioni e poi che invitanti nella loro semplicita!

    RispondiElimina
  21. che bella la ricerca che hai fatto sulle pucce, io in questi giorni sono tanto di fretta e le stesse pucce le ho preparate un paio di giorni prima di postarle. Con il pomodoro devono essere spettacolari, brava stellina

    RispondiElimina
  22. Non le conoscevo e adesso invece le vedo fotografate in ogni blog, buonissime!!

    RispondiElimina
  23. Anche se un po' in ritardo vengo con piacere ad ammirare le tue puccette! Che belle e che buone!!! :)
    Un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  24. eccoci...solo ora...
    Stella è un post bellissimo, con tante informazioni che
    a noi piacciono sempre...e le puccette sono davvero..........
    troooppo buone!!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina