Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 6 aprile 2013

quanti modi di fare e rifare gli strangulaprievet' al ragù napoletano



Che bello non vedo l'ora arrivi il 6 del mese per pubblicare tutte assieme alle altre cuochine la stessa ricetta, questo mese siamo tutte nella cucina di Spery, e abbiamo preparato questi gnocchetti fantastici, per l'iniziativa quanti modi di fare e rifare!
Essendo una ricetta classica l'ho rifatta uguale uguale, solamente per il procedimento per fare gli gnocchi ho provato un nuovo metodo!


strangulaprievet' al ragù napoletano


Ingredienti peri gli strangola preti (x 4 persone)
400 gr di farina di grano duro
400 gr di acqua bollente
1 pizzico di sale
1 goccio di olio

  • Far bollire l'acqua con il sale e l'olio, spegnere la fiamma e far cadere la farina a pioggia mescolando per non far formare i grumi.
  • Versare l'impasto su una spianatoia e far raffreddare coperto.
  • Impastare con le mani finchè l'impasto non diventa liscio e morbido aggiungendo se serve un po' di farina.
  • far riposare l'impasto per 15 minuti.
  • Trascorso questo tempo, formare dei cilindri, grossi più o meno un dito, che andranno tagliati a tocchetti.
  • Con l'aiuto del dito indice, incavare gli gnocchi.
  • cuocere in abbondante acqua salata. Saranno cotti, quando saliranno a galla.
  • Condire con abbondante ragù.

Ingredienti per il ragù

5 costine di maiale
5 ossa carnose di bovino
5 fette di bovino di spessore medio
1 bicchiere di vino bianco secco
2 litri di passato di pomodoro
3 cipolle
sale e pepe
prezzemolo q.b
grana padano per noi ;-)
olio extravergine di oliva

  • Preparare gli involtini, ponendo nel centro delle fettine di carne il grana, il prezzemolo, sale e pepe.  Arrotolare le fettine su stesse e chiuderle con uno stuzzicadenti.
  • Tagliare le cipolle a julienne e porle in un tegame dal fondo spesso insieme all'olio.
  • Far soffriggere a fuoco medio. Quando le cipolle si saranno imbiondite ben bene, eliminarle dall'olio e aggiungere i pezzi di carne.
  • Far rosolare la carne nell'olio e lasciar cuocere per circa trenta minuti, sfumando con il vino bianco, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
  • A questo punto, aggiungere il passato di pomodoro. Salare, pepare e aggiungere mezzo cucchiaino di zucchero. 
  • Quando il sugo inizierà a sobollire, abbassare la fiamma al minimo e lasciar andare per almeno 5 ore, girando di tanto in tanto, in modo che il pomodoro non si attacchi sul fondo del tegame.  (Io avendo fatto un sugo per 4 persone dopo 1 ora ho spento).


25 commenti:

  1. Grazie carissima Stella per essere venuta a fare con noi gli strangula prievet a casa di Spery.
    Oggi ci siamo dilettati e divertiti a preparare questo squisito piatto napoletano, invece il 6 maggio voleremo nella bellissima Grecia, nella grande cucina di Marina per la sua Bughàtsa dolce da Salonicco. Al prossimo mese!
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  2. ciao Stella
    son arrivata con forchetta, quando si mangia qui??? :-)

    buon w.e.

    RispondiElimina
  3. Ciao Stella spesso lo faccio anche io veloce un ora di cottura....ma staolta ho inizizto presto e lasciato le classiche cinque ore!
    Perfetta la tua pasta!
    Ciao francesca

    RispondiElimina
  4. ciao Stella, bella versione, certo che meno cuoce e più leggero è...io versione vegetariana...un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao Stella,
    bellissimi i tuoi strangula prievet, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  6. Anche io ho provato la farina di grano duro e l'abbiamo trovata una buonissima idea!!! ci piace tanto questa ricetta....slurp

    RispondiElimina
  7. che buoni, da rifare quanto prima!!

    RispondiElimina
  8. anche io in genere lo faccio cuocere meno così è più leggero, anche per per questioni di tempo :) buonissimo comunque! ciaooo

    RispondiElimina
  9. Il procedimento degli gnocchi è identico al mio, ma tanti tipi diversi di carne, non riesco proprio a trovarli qui.
    Bella preparazione

    RispondiElimina
  10. Splendida la tua versione, mi viene fame appena a guardare!!!!!

    RispondiElimina
  11. Ma bellissimi anche i tuoi!
    Una curiosità, io la pasta non l'ho mai fatta con questo procedimento... cosa cambia dal metodo classico???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ne ho idea :-D
      Avevo letto questo procedimento per gli gnocchetti e ho visto altre ricette che li preparavano così :-D

      Elimina
  12. Stavo per farti la stessa domanda di Lucia... facci sapere...siamo curiose!
    Ottima vero? In casa gli uomini sono stati entusiasti...

    RispondiElimina
  13. Molto buona anche la tua verisone! Ottima ricetta - vero?

    RispondiElimina
  14. Posso averne un piatto? Bella ricetta! :-)

    RispondiElimina
  15. ciao Stella
    che profumo!! proviamo il tuo procedimento per
    fare la pasta.
    BRAVISSIMA!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  16. Super golosa anche la tua versione cara Stella!! Un abbraccio e buona domenica :-)

    RispondiElimina
  17. Ciao Stella, che bella anche la tua pasta e la preparazione è davvero interessante. La prossima volta ci provo così. Bacione a presto

    RispondiElimina
  18. Scusa il ritardo, ma sono senza internet! Ho rattoppato con il cellulare in modalità hotspot..
    Fantastica versione! L'hai portato il pane per la scarpetta? XD
    Bravissima e un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. Proverò anch'io con la farina di grano duro, questa volta li ho fatti con farina 0.

    RispondiElimina
  20. Da quanto volevo fare il ragu napoletano!!! prendo questa ricetta!!
    Ho una piccola sorpresa per te nel mio post di oggi. Spero ti faccia piacere! :)
    Un abbraccio, Frankie

    RispondiElimina
  21. Però che idea curiosa...ma la procedura per la preparazione della pasta ha una giustificazione tecnica? Scusa ma non l'ho mai sentito fare per la pasta fresca...
    A presto!

    RispondiElimina
  22. che belli che ti sono venuti complimenti davvero

    RispondiElimina