Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 25 aprile 2013

torta salata agli asparagi e ricotta



Buon 25 aprile!
Anche se visto la situazione politica attuale non vedo cosa ci sia da festeggiare, o da commemorare?
Che senso ha questa festa della liberazione?
Magari potessimo finalmente "liberarci" di questa classe politica che ha pensato solo alle loro poltrone e al magna magna, ecco direi che potremmo finalmente sentirci liberi quando vedremo il primo ministro andare in ufficio in metropolitana senza scorta?
Mha vabbè, la rassegnazione è un sentimento o uno stato d'animo che ci accompagna per tutta la vita, altrimenti come potrebbe l'italiano medio condurre una vita "normale"?
Quindi io da italiana media che faccio in questo periodo?
Ma si certo, compro asparagi, e stranamente nel mio blog non c'era una torta rustica con gli asparagi, ecco qua una ricettina semplice semplice, da portare in una gita fuori porta, che oggi potremo fare, perchè a quanto pare è l'ultimo giorno di sole prima di parecchi di giorni di pioggia, siiiiii ancora pioggia, non se ne può più!!!!

Ingredienti per una tortiera da 26 cm:

per la pasta al vino:
300 gr di farina 00
80 gr di olio di arachidi
100 gr di vino bianco
sale q.b.

per la farcia:
400 gr di asparagi
1 spicchio di aglio
250 gr di ricotta
50 gr di grana padano grattato
1 uovo
sale e pepe
basilico o prezzemolo

Impastare tutti gli ingredienti per la pasta, avvolgere in pellicola trasparente e far riposare in frigorifero almeno un'ora.

Nel frattempo preparare la farcia, pulendo gli asparagi, privandoli dell'ultima parte del gambo legnosa e pulendo il gambo con un pelapatate, cuocerli in un tegame con un filo di olio, uno spicchio di aglio e sale per almeno 15 minuti. Una volta freddi frullarli con il minipimer con la ricotta, buttando l'aglio, lasciando qualche punta intera da usare per la decorazione della torta, l'uovo e il grana, io ho aggiunto anche qualche foglia di basilico, sia per il colore che per il sapore.
Stendere la pasta su una tortiera oleata e cosparsa di pan grattato, bucherellare la pasta con una forchetta e versare la farcia sopra, decorando con le punte di asparagi, qualche pomodoro pachino tagliato a metà e i ritagli della pasta avanzata.
Cuocere in forno statico a 200° per almeno 30 minuti.
Io l'ho tolta quando ha cominciato ad imbrunirsi la superficie.



8 commenti:

  1. Da festeggiare poco... ma ormai 10 anni fa (e chi ci pensava che il clima politico potesse arrivare a questo sfacelo???) dissi ad un mio amico che finchè mi lasciavano i denti...
    Gustosissima torta salata, ti copio la ricetta e sicuramente questa pasta al vino la utilizzerò presto per un'idea che già avevo.
    Ciao, Sara

    RispondiElimina
  2. Complimenti per la ricetta! FEsteggiamo invece, ma facciamolo con la consapevolezza che bisogna continuare a darsi da fare sempre, la libertà va conquistata ogni giorno, ora più che mai!
    :*

    RispondiElimina
  3. bella la tua torta, queste sono le ricette che preferisco dai gusti alla presentazione agli abbinamenti...brava!!! ...e riguardo ai politici...non possono girare senza scorta li accopperebbero!!!

    RispondiElimina
  4. Tempi duri per la nostra Italia.....vedremo cos'altro accadrà!
    Buona e gustosa questa torta salata gli ingredienti mi piacciono tantissimo!
    A presto
    Z&C

    RispondiElimina
  5. Ciao Stella, a proposito di rassegnazione, ieri sera su rete4 (Quinta colonna quotidiano)hanno fato vedere che tassavano anche il posto a sedere sulle panchine pubbliche, la maggior parte ha pagato, incredula ma l'ha fatto, uno no, proprio non ne ha voluto sapere, dovremmo fare tutti così, allora forse qualcosa si muoverebbe ma la paura del nuovo e del cambiamento regna sovrana nel popolo italiano...
    Torta sublime, pasta al vino da copiare. Buo fine settimana.

    RispondiElimina
  6. Ciao carissima! Bè, come disse Bisio a SanRemo, la nostra classe politica siamo Noi e onestamente, mi chiedo a maggior ragione come si possa essere arrivati ai risultati delle ultime elezioni dopo tutto.. Io non so bene cosa pensare e finisco, forse, col non pensare più e non utilizzare quel minimo di ''politicizzazione'' che ero costruita negli ultimi anni. Di guardare il telegiornale non ne potevo fare a meno, adesso spesso accendo e poi non ascolto. Sarà un caso? Sarà che proprio io non ci capisco più nulla.

    Molto invitante la tua torta salata, brava! Non ho ancora preso gli asparagi, ma devo affrettarmi, perchè li adoro davvero! Potrei consolarmi un po' per la situazione politica italiana almeno!

    Un abbraccio e a presto
    Marina

    RispondiElimina
  7. Adoro gli asparagi! Questa sembra squisita! E il tuo blog è molto carino, complimenti! :)

    RispondiElimina