Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 20 ottobre 2011

profiteroles salati ripieni di salsa al tonno con besciamella rosa

- cliccare sulla foto per ingrandirla -

Lo scorso mese di settembre la sfida più intrigante della blog sfera l'ha vinta la mia amica Stefania, quindi tutti ci aspettavamo che lei ci proponesse un dolce, ma mai nessuno avrebbe pensato al dolce più peccaminoso che esiste, e invece no, ci ha stupito anche con il calcolo delle calorie, tiè!
In un primo momento volevo abbandonare questa sfida, in fin dei conti sono a dieta e le domeniche in un mese sono solo 4, mi concedo un dolcetto solo la domenica, e poi mi è venuta questa illuminazione, ma si facciamolo salato, così dimezzo le calorie, ne assaggio uno, e l'altro lo metto a disposizione della famiglia!
Il gran premio va a Paola, che con il post di ieri ha indovinato che la mia salsa tonnata c'entrava qualcosa con l'MTC, Paola hai vinto che la prossima volta che ci vediamo ti porto uno di questi bignè,  va bene?
Stefania ci ha proposto di fare i bignè con la ricetta di Montersino, tra l'altro mi ha anche contagiato con la sua Montersinite e ho comprato anche io il suo libro, ma non avevo ancora avuto il coraggio dopo ben quasi un anno di lanciarmi nella preparazione di qualche sua ricetta!
Che bello vedere quella pasta molliccia prendere forma, e gonfiarsi in cottura, e diventare un bignè vuoto, tutto da riempire!

Queste sono le dosi e gli ingredienti che ho usato per questo profiteroles salato:


Per 12 bignè:
23 37 ml di acqua*
5 ml di latte
33 gr di burro
35 gr di farina
1 uovo
Un pizzico di sale

Per la salsa tonnata
100 gr di tonno sott'olio
100 gr di ricotta (o philadelphia light)
1 filetto di acciuga sott'olio
sale e pepe q.b.
qualche goccia di limone

Per la besciamella rosa
10 gr di burro
10 gr di farina
100 gr di latte
sale e noce moscata
1/4 di carota nera lessa




Pronto per essere riempito?

Allora per il lungo e dettagliato procedimento dei bignè vi dirotto da Stefania.

Ho riempito i bignè con la adorata salsa tonnata preferita da mia figlia, frullando semplicemente tutti gli ingredienti.

Poi ho pensato di ricoprire il tutto con una bella besciamella rosa, con l'aggiunta della carota nera, e per finire una bella spolverata di pepe rosa, da quando l'ho comprato per la confettura di pere debbo pur consumarlo, no?
Da quando ho scoperto le carote nere al supermercato mi sto divertendo a colorare risotti, creme, frittate, insomma, ora voglio anche continuare con pasta all'uovo, tipo ravioli o tortelloni, o anche gnocchi.
Una volta cotte rilasciano un bel colorino viola.




Per ricoprire i bignè adagiarli su una forchetta, non toccarli con le mani, e fare le colate di besciamella con un cucchiaio.
Buonissimo tiepido, ma anche freddo di frigorifero acquista un certo gusto, poi se i bignè saranno ben fatti e ben seccati non risulteranno mollicci ma rimarranno della loro giusta consistenza.


Non vi dico che faccia hanno fatto mia figlia e mio marito quando hanno visto questa montagna, hanno voluto sapere per filo e per segno prima di assaggiare, di cosa fossero fatti, poi una volta mangiati siamo rimasti davvero tutti a bocca aperta, e ho pensato fra me e me, brava Stefania, con questa sfida dell'MTC di ottobre ci hai dato proprio un'iniezione di fiducia!


Con questa ricetta partecipo anche al contest per la LILT (lega italiana contro lotta ai tumori) organizzato da Gialla tra i fornelli, ottobre è il mese della prevenzione del tumore al seno e noi foodblogger diffondiamo il messaggio realizzando qualcosa di rosa!


37 commenti:

  1. questa ricetta, dopo aver visto la foto l'aspettavo. Bellissimi i colori e se Eleonora li ha mangiati, non c'è il minimo dubbio nemmeno sulla loro estrema bontà.

    RispondiElimina
  2. ma sono davvero inaspettati e bellissimi, grande grande fantasia, e bello che la linea ci possa pure guadagnare! Quella salsa ha un colore spettacolare, le carote nere le ho trovate anch'io al super, per ora ho solo una vellutata all'attivo. E' un colore che adoro, grazie dello spunto

    RispondiElimina
  3. @ Kika vedo che conosci molto bene mia figlia :-)

    @ Cinzia anche tu all'opera con le carote nere?

    @ Lia ora queste carote debbo metterle dappertutto :-D

    RispondiElimina
  4. accipicchia che fantasia!! che colori, davvero originale!

    RispondiElimina
  5. Stella... che meraviglia! O_o Io scopro solo adesso dell'esistenza della carota nera. Bravissima, il tuo profitterol salato è originalissimo!

    RispondiElimina
  6. Ho vinto, ho vinto, ho vintooooo!!!!! heheheheh!!!!
    Silvia, ma che belli che sono questi bigne' tutti rosa! Voglio anch'io quelle carote, non riesco a trovarle! hanno un colore favoloso!!!!

    Complimenti!
    Un abbraccio e a presto
    Paola

    RispondiElimina
  7. Che buoni! Non sapevo che esistessero delle carote nere! Hanno un bell'aspetto...vedrò di trovarle! Mi piacciono troppo!Ciao

    RispondiElimina
  8. Che bello tutto rosa la colata!

    RispondiElimina
  9. Ok, vedendo questi profitterol mai averi pensato che fossero salati! Credevo fossero ai mirtilli, ai frutti di bosco. Mi hai anche fatto scoprire le carote nere, di cui non avevo mai sentito parlare, ero rimasta alle patate blu che già mi avevano "scioccata". Non credo le troverò mai qua ma i tuoi profitterol potrebbero comunque essere una bella idea, magari per natale :) un bacione

    RispondiElimina
  10. le carote nere??? ossignur! vado subito a leggere di che si tratta, mai viste.
    profiteroles stupendo Silvia, l'effetto cromatico è bellissimo ma anche il gusto immagino non sia da meno, bravissima!
    Cris

    RispondiElimina
  11. @ Acky sono molto meteo/cromatica :-D

    @ Ylenia le carote nere sono arrivate sugli scaffali del mio super da poche settimane!

    @ Paola, io le trovo solo da esselunga!

    @ Molly vedrai ci farai un sacco di cose!

    @ Mary non solo bello ma anche molto gustosa!

    @ cuoca gaia se vuoi te le spedisco :-D

    @ Cri a quanto pare le stanno facendo anche gialle e bianche, hai letto?

    RispondiElimina
  12. Punto primo sei un genio, veramente veramente interessante la besciamella con le carote viola, viste ma non ancora provate, secondo sono bellissimi come presentazione e terzo secondo me qui c'è qualcuno che vincerà questo mtc... ;)

    Baci Vevi :)

    RispondiElimina
  13. oddio!!così coperti di viola sono splendidi!!e il più il viola è dato dalle carite, questo è fantastico veramente! complimentissimi..tra te e Kika mi state facendo venire la voglia di provare a prepararli questi calorici dolcetti...salati! un abbraccio

    RispondiElimina
  14. @ Vevi io adoro talmente tanto la besciamella che ci frullo dentro di tutto :-D

    @ Benedetta tranquilla se eviti la cioccolata e la panna non sono tanto calorici!

    @ Cristina così hanno detto i miei quando li ho messi in tavola!

    RispondiElimina
  15. bravissima, complimenti sia per l'originalità che per la realizzazione!

    RispondiElimina
  16. eheheheh...abbiamo avuto quasi la stessa idea....bravaaaa....non ho mai visto la carota nera e che bel colore!!!!

    RispondiElimina
  17. mandami una vagonata di quelle carote, ma che belle!!!!
    mi piace tanto questa ricetta, per la mousse di tonno che mi piace sempre, per la carota che non conoscevo e per il colore che è della gamma dei miei preferiti!!
    dal commento che hai lasciato da me credevo non li avessi ancora fatti e invece, tè chi che roba!!

    RispondiElimina
  18. Folgorata sulla via di Damasco!!!
    Caspita, non avrò pace finchè non avrò fra le mani le introvabili carote!
    Tu non sai che sto studiando il buffet per il lancio di alcuni gioielli per i quali mi si chiede "beverage and food" in tinta per ogni pietra preziosa....l'ametista mi stava mettendo in crisi, ma quella salsa è una visione e forse....una salvezza!

    RispondiElimina
  19. Sì, vabbè, mi sono incasinata da sola....ti prego, dove le trovo??

    RispondiElimina
  20. @ Enrica ma grazie molto gentile :-D

    @ Dau perchè da te non si trovano? Se vuoi te le mando quanti chili?

    @ Davvero ti ho illuminata? Wow che responsabilità :-D

    RispondiElimina
  21. Nooooooooooo le voglio anch'io... in un blog per bimbi come il mio non possono mancare!
    Le cerco domani!

    RispondiElimina
  22. prima di tutto quella salsa quasi viola è una meraviglia insiema a tutto il piatto, complimenti! il fatto che siano salati me li fa piacere ancora di più :P
    ma di cosa avevi paura visto che i bigné ti sono venuti perfetti?! :)
    buon we!

    RispondiElimina
  23. Ciao Stella, ma che salsa rosa deliziosa, ottima idea! un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  24. Ma sono bellissimi! Sembrano dolci!
    Perchè non partecipi anche tu al mio contest? Sicuramente avresti una proposta coloratissima!

    http://dolciechiacchiere.blogspot.com/2011/10/il-mio-primo-contest.html

    RispondiElimina
  25. Quindi......non mollarmi adesso, dove si trovano??

    RispondiElimina
  26. @ Tiziana hai ragione nel tuo blog non possono mancare :-)

    @ Gio non sei il primo che me lo dice, tutti pensano ai frutti di bosco o alle fragole! Non so se sia stata la fortuna del principiante ma mi sono usciti perfetti al primo colpo :-D

    @ Alex grazie, buona domenica anche a te!

    @ Serena grazie dell'invito, vengo a vedere subito da te di cosa si tratta!

    @ Fabiana eccomi, io fino ad ora le ho trovate solo da esselunga, non so tu dove abiti!

    RispondiElimina
  27. Stella, è proprio vero...abbiamo feeling ;-)

    RispondiElimina
  28. che colori stupendi..le tinte che più amo versione commestibile, un sogno!

    RispondiElimina
  29. Silvia sono originalissimi e bellissimi questi profiterol salati!!!!!
    bravissima.....e il colore della besciamella e' favolososo!!!!

    RispondiElimina
  30. @ Libera ogni volta è una conferma, eh? ;-)

    @ sulemaniche davvero è un sogno? wow

    @ Nicoletta non avevo in mente dei bignè scenografici e invece hai visto? :-D

    RispondiElimina
  31. Stella...li ho fatti..non si torna più indietro ;-) Un baseto grando!!!

    RispondiElimina
  32. Che bella idea la tua e quella di Libera di collegare i profiterole alla prevenzione del tumore al seno.
    In fondo la forma del bignè e simile ad un seno, vero? E anche la posizione del pepe rosa ha qualcosa a che vedere con il resto ahahahaha!
    Baci :D

    RispondiElimina
  33. @ Libera non ci posso credere :-0

    @ Anna non ci avevo mica pensato alla forma del bignè :-D

    RispondiElimina
  34. meno male che c'è libera... perchè sono tornata qui, per riguardarmi la tua ricetta e vedo che il mio commento non c'è.
    Giurerei di averlo lasciato, ma ultimamente è meglio non scommettere sul mio neurone, per cui ti chiedo mille scuse, anzitutto- e ripeto quello che una seconda visione ha confermato nella mia mente. e cioè che voglio poter cucinare con te. Una volta sola, Ti prego :-)
    Grazie di tutto
    ale

    RispondiElimina
  35. Ale hai detto bene, meno male che c'è Libera :-D
    Ma sei proprio sicura di voler cucinare con me? Davvero davvero? ;-)

    RispondiElimina