Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 11 novembre 2011

gnocchi di polenta con quartirolo e verze

- cliccare sulla foto per ingrandirla -

Era da tanto che volevo farli questi gnocchi di polenta, mangiati l'estate scorsa sulle montagne bresciane, vicino Ponte di Legno.
Ovviamente quelli mangiati li galleggiavano nel burro, ma questi vi assicuro che sono altrettanto saporiti, li ho conditi come i pizzoccheri, con verze e al posto del grassissimo bitto, il quartirolo lombardo, formaggio che se stagionato diventa molto molto saporito, noi lo chiamiamo puzzone perchè quando matura puzza che non può più stare in frigorifero e quindi devi sbrigarti a mangiartelo tutto :-D


Questi luoghi mi hanno sorpreso, perchè lontani dal grande turismo di massa, sono posti dove si può andare sia in estate, ci sono molte passeggiate molto suggestive, sia in inverno, gli impianti sciistici rimangono aperti tutto l'inverno e sono molto bene attrezzati.

Questi gnocchi li abbiamo mangiati in un agriturismo gestito a livello veramente familiare, dove ti portano sulle langhe a vedere le 5 mucche come vengono munte, come poi fanno il formaggio e il burro, insomma proprio come si faceva una volta.

Io li ho fatti con la polenta gialla di grano turco, e per caso ho anche scoperto che è gluten free, non lo sapevo, basta fare pranzi e cene a base di riso, se avete un ospite celiaco, ora! Ovviamente se li volete più grezzi usate la polenta taragna.

Ingredienti per 6 persone:

500 gr di polenta (già pronta e cotta) fredda
1 uovo
250 gr di farina 00
1 pizzico di sale e noce moscata

per condire

burro
verza
salvia
quartirolo lombardo
aglio
pepe nero


Procedimento

inserire la polenta nel mixer e condirla con sale, pepe e l'uovo, poi versare la farina se avete un mixer capiente, altrimenti capovolgere il tutto sul tavolo e impastate a mano.
La farina è meglio metterne il meno possibile altrimenti diventano troppo duri.
Preparare gli gnocchi e bollirli in acqua bollente salata.

Intanto che gli gnocchi cuociono far imbiondire 2 spicchi di aglio in un'ampia padella con burro, qualche foglia di salvia e la verza precedentemente scottata.
Far saltare gli gnocchi aggiungendo almeno 100 grammi di quartirolo lombardo, se non lo trovate potete benissimo aggiungere metà scamorza bianca e metà grana grattugiato.
Aggiungere il pepe nero solo alla fine.



Con questa ricetta partecipo al contest organizzato da Fabiola, ricordo di un viaggio


e al contest sulla polenta


25 commenti:

  1. vista l'ora me li mangerei in un boccone, brava!

    RispondiElimina
  2. devono essere eccezionali! Sai che non avrei mai pensato al quartirolo x condirli??? Noi lo chiamiamo GESSO per via della sua consistenza, ma in effetti e' molto buono!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, questa ricetta sarebbe perfetta anche per la mia sfida ;) se vuoi passare da me a lasciarmi il link mi farebbe molto piacere!
    Buona giornata
    Sonia

    RispondiElimina
  4. ...lo ammetto..ho mangiato la polenta solo una volta nella vita.ma non ha lasciato un bel ricordo :( però con il tuo condimento mangerei volentieri un bel piatto d tortellini *_* eheh. ciao :D buona giornata!

    RispondiElimina
  5. me li sto mangiando con gli occhi, che voglia mi hai fatto venire.

    RispondiElimina
  6. @ Barbie se vuoi venire stasera li ripasso in forno a gratinare :-D

    @ Paola si anche noi lo chiamiamo gesso !

    @ Memole quasi quasi mi piacciono di più di quelli di patate!

    @ Sonia per il tuo contest ne sto facendo altri :-D

    @ Eres davvero solo una volta???

    @ Ele a quest'ora? :-D

    RispondiElimina
  7. che belli!chissà che buoni!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Mi piacciono; non avevo idea che con la polenta già cotta si potessero fare gli gnocchi in questo modo.
    Bravissima.

    RispondiElimina
  9. Che buoni, il quartirolo mi piace tantissimo! Complimenti per il blog, da oggi ti seguo anch'io. Buona serata, Babi

    RispondiElimina
  10. Ricetta copiata!!!! mai fatti gli gnocchi cosi'...da provare grazie e bravissima ;-)

    RispondiElimina
  11. Che voglia mi fanno venire Stella!!!!! Adoro gli gnocchi, ma questi... e lo so che sei una grande, lo ho capito subito quando ti ho vista da Quaderni la prima volta!

    RispondiElimina
  12. oh mamma che fame che mi sta venendo..non posso mettermi a commentare i blog a quest ora!! hihihi
    ricetta inserita..good luck!!! certo che puoi partecipare...e poi con questo piattino... mmmmm che fame....scappo a prendermi del cioccolato hihihih...
    bacii

    RispondiElimina
  13. Ottimi, devono essere molto gustosi! Ciao

    RispondiElimina
  14. Io adoro la polenta riscaldata, devo dire che fatta a gnocchetti è una idea fantastica, non li avevo mai visti e sono molto tentata a farli.

    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  15. belli appetitosi!
    pensavo li avessi fatti con la farina di polenta non con la polenta già cotta, mi incuriosiscono molto :)

    RispondiElimina
  16. Wow, che abbinamento di sapori!! Bacioni..

    RispondiElimina
  17. I sapori di montagna sono sempre forti e molto intensi! Polenta vera (non quella precotta) e formaggi locali sono tutta un'altra storia! BEl piatto!

    RispondiElimina
  18. ma che bella ricetta!
    Non ho mai sentito parlare di questi gnocchi di polenta devono essere deliziosi! baci

    RispondiElimina
  19. strepitosi, copio copio copio!

    RispondiElimina
  20. @ Fede ti assicuro che sono più buoni che belli ;-)

    @ Mariabianca neanche io, infatti è un anno che ci penso!

    @ Babi grazie vengo a trovarti anche io!

    @ MOnia allora buon lavoro!

    @ Mari ma davverooooooo???? non ci credo :-D

    @ love at first grazie a te!

    @ MOlly ovviamente se li affoghi nel burro ancora di più!

    @ Claudia ti capisco che sei tentata, non aspettare tanto tempo come ho fatto io!

    @ Gio secondo me sono più buoni degli gnocchi di polenta!

    @ Mamma Papera si sapori ghiotti ghiotti!

    @ Stefania si hai centrato in pieno!

    @ Elena se non li hai mai mangiati allora prova subito!

    @ Aria buon lavoro!

    RispondiElimina
  21. Ciao Stellina :-)Io li faccio senza uovo e farina, ricordo quelli che faceva una signora in Croazia (cucchiaiate di polenta *quenelle* ;-)), non erano affogati nel burro ma nel sugo di un indimenticato spezzatino, ora che il termometro si è abbassato si possono "alzare" le calorie ;-)
    Evvai di polenta...

    RispondiElimina
  22. Ciao Stella, li trovi col nome "Macarons di polenta" è un'antica ricetta Carnica di "recupero". Buona giornata :-)

    RispondiElimina
  23. grazie per la ricetta inserita ed in bocca al lupo...

    RispondiElimina
  24. mmmmmmmmm....buonissima questa ricetta...brava!!!!!! e bellissimo il tuo blog...mi unisco subito ;) ciao ciao

    RispondiElimina