Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 16 gennaio 2012

Red Velvet Cake

- cliccare sulla foto per ingrandirla -

Prima o poi dovrò inaugurare la sezione dolci americani, perchè ultimamente ne sto facendo davvero uno dietro l'altro!
Anzi prossimamente, al prossimo bruch, voglio fare la Mississippi Mud Cake, ho visto la ricetta sabato scorso in libreria :-D Torta mooolto cioccolatosa, secondo me è la cugina americana della Reina de Saba di Julia Child!
Come ho già scritto nel post dei red velvet cup cake, non avevo mai pensato di fare questa torta perchè pensavo fosse la solita americanata, tutta scena e 3000 calorie!
Invece poi durante la finale della gara del boss delle torte, non ricordo il titolo, quello dove un pasticcere vinceva un lavoro da lui, insomma Corinna alla finale ha preparato la red velvet e mi sono convinta a farla!
Insomma io ci vado matta per questo tipo di torte, davvero, ha un sapore molto deciso di vaniglia, la adoro adoro adoro.

Quindi nell'ultimo brunch a casa di una mia carissima amica, dove ogni volta porto qualche torta tipicamente americana, ho preparato questa, per la prima volta come la ricetta originale richiede, cioè con 4 strati!

E' stato un successone e sono rimasti davvero tutti a bocca aperta!


La mia amica era talmente entusiasta che a tavola ci ha fatto trovare il menu del brunch stampato e una piccola curiosità su questa torta e la ricetta.


"Anche se nessuno sa esattamente quando e dove la Red Velvet Cake ha avuto origine si dice che la sua ricetta ha cominciato a circolare negli USA nel 1920.
La leggenda dice che Dean Blair ha ottenuto la ricetta una mattina, quando ha preso l'autobus a San Jose (una cittadina californiana a Sud di San Francisco). Poco dopo una signora salita sullo stesso autobus ha cominciato a distribuire foglietti con la ricetta della *Red Velvet Cake*. Ha detto che era stata a New York e cenato al Waldorf-Astoria dove avevano questa torta. Tornata a San Jose, aveva scritto in albergo per chiedere il nome dello chef che aveva creato la torta, chiedendone la ricetta. Con la ricetta lo chef inviò anche un conto di 350 $. Sentito anche un parere legale la signora pagò la somma perchè non aveva chiesto in anticipo se ci sarebbe stato un costo per il servizio, e se si, quanto sarebbe stato. Di conseguenza la Signora pensò che distribuire la ricetta sarebbe stato un buon modo per pareggiare i conti con lo chef. Per questo la Red Velvet  anche conosciuta come Waldorf-Astoria Cake o $ 100 Cake, $ 200 Cake ecc.."



foto volante prima di portarla a tavola


Di seguito la ricetta personalizzata da me con tutti i miei consigli!



ingredienti:

250 gr farina 00 setacciata
mezzo cucchiaino di sale
2 cucchiai rasi di cacao amaro
110 gr burro a temperatura ambiente
300 gr di zucchero semolato
2 uova grandi
1 cucchiaino di estratto di vaniglia pura
240 gr panna acida o yogurt o latticello (io ho fatto meta' latte e meta' yogurt)
2 cucchiaini rasi di colore alimentare rosso in polvere
1 cucchiaio di aceto bianco
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

crema:

225 gr formaggio cremoso tipo philadelphia
225 gr mascarpone
1 cucchiaino estratto di vaniglia puro
115 gr di zucchero a velo
350 gr di panna montata
2 cucchiai cocco disidratato 

procedimento:

Accendere il forno a 180 gradi statico.
Imburrare ed infarinare 2 tortiere cm 20.
In una ciotola mescolare sale, cacao e farina setacciati.
Montare il burro morbido (a temperatura ambiente) e lo zucchero, aggiungere uno alla volta le uova fino ad avere una battuta ben montata e gonfia. Unire la vaniglia.
Io mi trovo meglio a montare per bene, almeno 10-15 minuti con la planetaria, le uova con lo zucchero, e poi aggiungo il burro.
Colorare la panna acida con il colorante.
Unirla alla battuta di burro con velocità al mimino alternandovi il composto di farina.
A parte amalgamare in un bicchiere l'aceto e il bicarbonato, appena frizza aggiungetelo all'impasto, amalgamare uniformemente.
Mettere l'impasto in 2 teglie e cuocere per 25-30 minuti in forno statico.
Fare la prova stuzzicadente, se esce umido far cuocere 5 minuti in più.
Comunque vale la regola che l’impasto è perfettamente cotto quando si stacca da solo dai bordi laterali delle teglie.
Dopo 10 minuti che è uscita dal forno staccare i 2 dischi dalle teglie e farli raffreddare su una gratella.
Far raffreddare bene, e' consigliabile cuocere la sera, e farcire la mattina, dopo aver riposato per bene in frigo.
Tagliare i 2 dischi per formare i 4 strati e farcire con la crema.
Se avete l’attrezzo per tagliare le torte non avrete problemi, altrimenti dotatevi di un grande coltello seghettato da pane e tagliate i dischi il più regolari possibili.
In alternativa una mia amica mi ha consigliato di tagliarli con del filo da pesca, se lo avete provate! (è inutile dirvi che ieri in un negozio ho comprato l'aggeggio per tagliare le torte :-) )

Io faccio riposare anche la crema in frigo per tutta la notte, così la mattina se non è bella soda aggiungo 1 cucchiaio di maizena per rassodarla bene.
A volte mi è capitato che risultasse troppo liquida e non si riusciva bene a glassare la torta.
Quindi montare la panna e riporla in frigo.
Sbattere il mascarpone e il philadelphia con lo zucchero e la vaniglia.
Unire le 2 creme e miscelare dal basso verso l'alto con una spatola.

A volte mi sono trovata bene a mettere meno panna, solo 250 gr, e il restante tutto formaggio, in questo modo la crema viene molto più soda, anche perché a me la panna non piace tanto, e siccome la crema è molto dolce, ho messo 10 gr di zucchero in meno e l’ho sostituito con un cucchiaio di maizena, per rassodare la crema il più possibile.

Ho messo la crema in una sac a poche e farcito gli strati facendo ben attenzione a dosare la crema, deve assolutamente bastare per i 4 strati e la circonferenza della torta!
Decorare la torta con le briciole di impasto e una spolverata di cocco.
Far riposare in frigo almeno 2 ore prima di mangiarla.
Non bagnare la torta per nessun motivo, la torta e' molto morbida e si conserva cosi' per tanti giorni.

46 commenti:

  1. Scusa ma proprio non vale io sono a dieta e mi presenti questa delizia per occhi cuore e pancia??? ;) Spaziale, ti è venuta benissimo complimentoni! ;)

    Vevi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vevi tu non ci crederai ma anche io sono a dieta! Mi concedo il pasto libero la domenica pero' ;-)

      Elimina
  2. Buona, io l'ho fatta per capodanno, ma senza vaniglia e senza cocco. Purtroppo ho usato il colorante liquido che non mi ha soddisfatto. Ho aggiunto il limone al latte. Ha conquistato tutti , non l'ho fatta a 4 strati, perchè non avevo due tortiere da 20 ma visto la crema molto calorica, forse è stato meglio così. La voglio perfezionare perchè mi ha conquistato . Proverò anche la tua versione magari per San Valentino. Nani

    RispondiElimina
  3. Io invece la prima volta ho usato il colorante in gel! E ho dovuto usarne un tubetto intero! Mi sono precipitata subito a comprarne uno in polvere e ho comprato anche il barattolo grande che mi durerà almeno 10 anni :-) Per San Valentino potresti usare lo stampo a forma di cuore, wow! ciao

    RispondiElimina
  4. Qualche volta mi cimento anch'io in quest'impresa. Sei stata bravissima,un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariabianca, allora buon lavoro! Vedrai che ne vale la pena!

      Elimina
  5. Spettacolare davvero e poi le torte a strati sono così buone!

    RispondiElimina
  6. Silvia... ma così NON VALE! Non la conoscevo nemmeno, però ho visto i ragazzini di Masterchef Australia farne una a 4 strati, cioccolatosa all'ennesima potenza e mi è venuta voglia di provarci, con questi 4 strati: l'unica cosa è il colorante. Però certo, sennò che RED velvet sarebbe?
    bravissima, al prossimo brunch potremmo sentirci? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, i coloranti alimentari sono tutti naturali!
      Allora organizziamolo noi un brunch, magari con Marinella :-)
      baci baci

      Elimina
  7. Vista da fuori non ti fa nemmeno immaginare dello spettacolo che nasconde all'interno! Bravissima e poi io so che la fai anche buonissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara invece tu non ti sei ancora lanciata?

      Elimina
  8. È stupenda, complimenti. Siccome non l'ho mai mangiata, una fettina per me??? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francy purtroppo è finita :-D La prossima volta ti faccio un fischio!

      Elimina
  9. è a dir poco spettacolare!complimenti!

    RispondiElimina
  10. Complimenti ti è venuta benissimo!... a quando un brunch a casa mia?
    bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Federica si è molto d'effetto ma è anche molto buona, credimi!

      @ Elena se lo organizziamo io vengo di sicuro, bacioni!

      Elimina
  11. Adoro la red velvet, è una delle torte made in Usa che preferisco, l'anno scorso l'ho pure preparata per Natale tutta decorata a festa! Questa ti è venuta benissimo e poi è proprio bella così rossa e bianca!

    RispondiElimina
  12. Bellissima! Si presenta davvero molto bene. e l'abbinamento con la crema formaggiosa mi piace molto. Ma sai che io non l'ho mai provata? mi hai fatto venire una voglia ... bacioni!

    RispondiElimina
  13. mmmm non sai quanto adoro la red velvet io... io però sempre fatto i cupcakes...dai magari mi cimento nella mega tortona! a te e riuscita perfetta dunque prenderò spunto anche dalla tua ricettuzza! bacione

    RispondiElimina
  14. bellissima, ci sono molto affezionata a questa torta perchè oltre ad averla fatta per il mio compleanno è stato anche il mio primo post in assoluto. un bacione

    RispondiElimina
  15. Grande questa signora!!! E ha fatto bene :-) cosìla ricetta è arrivata fino a noi.... è favolosaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Claudia, davvero? Ma sei tu che hai fatto l'igloo?

      @ Stefania prima o poi dovrai farla anche tu, chissà che capolavoro che ne esce!

      @ Giulia allora se li hai fatti sai di cosa parlo :-)

      @ Stefania anche io la prima volta l'ho fatta per il mio compleanno, il 2 ottobre scorso! Allora vengo subito a leggere il tuo primo post!

      @ Ely lo avrei fatto anche io!

      Elimina
  16. mi hai convinta! la faccio di sicuro! anch'io pensavo fosse la solita americanata! invece leggendo la tua ricetta mi sono ricreduta! fantastica l'idea delle briciole rosse sulla torta. Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero sono così convincente ? :-D

      Elimina
  17. Sono stata un bel po' a leggere e rileggere questa fantastica ricetta.
    Mi sono innamorata della foto e della ricetta.
    Bravissima e grazie tante per tutti i consigli.
    Baci

    RispondiElimina
  18. Stupenda, che buona... wow stai diventando bravissima. Baci Marica

    RispondiElimina
  19. Mah, mah, mah...tu non eri in dieta? Mi sa che ce la racconti. Bello questo post con la storia di questa meraviglia :-)

    RispondiElimina
  20. che meraviglia! Hai fatto venire voglia anche a me :)

    RispondiElimina
  21. @ Marica questa però alla California non la troverai ;-)

    @ Libera la mia dieta continua, tranquilla, pero' la domenica mi sfogo :-D

    @ Annalisa a chi non verrebbe voglia a vederla ? :-D

    RispondiElimina
  22. ho sentito già parlare di questa torta,devo dire che m'incuriosisce tanto,chissà se mi verrebbe bella come la tua?davvero strepitosa...complimenti!!!

    RispondiElimina
  23. è una vera delizia solo a guardarla!complimenti... spero un giorno di fare pure io una red velvet così bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Barbara provaci, vedrai che verrà bene per forza, è una torta abbastanza semplice ma d'effetto :-)

      @ Angelica grazie, un bacione!

      Elimina
  24. Ci credo che è stata un successone, è stupenda e chissà che buona! Mi è piaciuto conoscerne la storia e siccome qui siamo molto golosi e cioccolatosi...aspetterò con ansia anche la Mississippi Mud Cake :))
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Ornella, allora per la Mud Cake dovrai aspettare un bel po', è prevista in primavera :-)

      Elimina
  25. Che spettacolo,è meravigliosa!Bravissima!Ciao

    RispondiElimina
  26. Ma è uno spettacolo!!!Buona buona...e ci credo che ha avuto successone!
    Ti seguo volentieri e se ti va passa da me!
    Abbracci

    RispondiElimina
  27. che bella!! ma con queste dosi e i 4 strati, che dimensioni deve avere la teglia??? Grazie!

    RispondiElimina
  28. @ Molly non è solo spettacolare, è buonissima credimi!

    @ Donaflor passata ;-)

    @ Marina la teglia 20 cm.

    RispondiElimina
  29. Ciao Stella, complimenti per la torta, davvero bella! Io ho fatto una volta i cupcakes e mi sono innamorata, li ho colorati con il colorante in polvere, ora vorrei provare con la torta ma ho solo il colorante in gel, siccome è per un compleanno la vorrei bella rossa, tu che dici? Per un effetto davvero rosso rosso meglio polvere o gel?
    Grazie mille e ciao ciao
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, io ho usato sia quello in gel che quello in polvere, il problema di quello in gel è che ne devi usare tanto per colorare tutta una torta, io ho dovuto usare tutto un tubetto, invece quello in polvere ne basta mezzo cucchiaino, ciao e grazie!

      Elimina
  30. Piacere Stella, sono arrivata nel tuo bellissimo blog, per caso e ti faccio i miei complimenti!
    A presto proverò a realizzare la Red velvet, per davvero non necessita di bagna? Se ti va ti aspetto da me!
    Antonella.

    RispondiElimina
  31. ma io no ti ho più scritto che l'avevo fatta? E' venuta cos' buona che ce la siamo pappata prima di riuscire a farci una foto.. ora passo il link alla mia amica ;))

    RispondiElimina
  32. ciao :) ma usi la panna fresca o quella già zuccherata tipo la hoplà? Grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina
  33. E le torte si possono cuocere insieme o una alla volta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao la panna è quella non zuccherata, fresca, da montare, perchè poi ci va lo zucchero a velo a parte, e le torte le cuocio insieme in 2 teglie da 20 cm usa e getta, ciao!

      Elimina