Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 28 febbraio 2012

Il pâté di tonno visto dalla nostra famiglia


da diversi punti di vista

 da mia figlia                 da una donna                         da un uomo

Praticamente dal 5 di febbraio, data in cui Bucci ci ha proposto per questo mese dell'MTC il suo paté, che sto pensando a questo paté di tonno.
L'unico che faccio spesso.
Se dico paté, mia figlia risponde, TONNO!

Ma ho pensato che magari era una ricetta un po' troppo scontata e non l'ho fatta, troppo banale, no?
Poi a ridosso della scadenza del contest ho visto che nessuno ha fatto il paté di tonno, allora così scontato non è? Comunque scontato o no, mi sembrava giusto anche pubblicare su questo blog cibi che mangiamo abitualmente e non cucinati esclusivamente per esigenze bloggistiche :-D

Il problema quindi era, come presentarlo?
Ci ho pensato e ripensato, e alla fine il parto è stato questo.
Ho pensato ad un paté visto con gli occhi e i gusti di un bambino, semplicemente messo su un crackers, magari con una rosellina di salmone messa su non solo per bellezza, è stata la cena di mia figlia :-D Lei ci va matta, sia per il tonno che per il salmone!

Poi avrei pensato a presentarli dal mio punto di vista, volevo fare dei baci di dama, ma dopo che ho scaricato la foto più che baci mi sembrano dei "chiuli di dama" o anche "chiappe di dama" non vi pare? E quel chicco di melagrana? Non vi sembra proprio..... :-D Vi giuro che non l'ho fatto apposta, sono usciti troppo grossi, ma non avevo tempo di rifarli, tra 2 ore scade l'MTC!

Poi arriva il punto di vista dell'uomo, che secondo me tutto il loro mondo gira attorno al loro fallocentrismo, e allora mi son detta, bene, preparerò per mio marito dei grissini, perchè conosco il mio pollo, puccerà giusto 1 cm di paté mangiandosi questi grissini molto fallocentreci, e così è stato!

Ma mai avrei pensato, una volta scaricate le foto, il grissino l'ho scelto a caso, eh? Che capitava un grissino così tanto somigliante ....

Vabbè veniamo alla ricetta prima di scrivere troppe cavolate!


Per il paté:

100 g di tonno sott’olio
2 filetti di acciughe sott’olio
50 g di philadelphia light
1 grattatina di zenzero fresco
1 cucchiaio di ketchup
1 cucchiaio di burro
sale
pepe

Sgocciolare il tonno e metterlo nel contenitore per il minipimer.
Aggiungere i filetti di acciughe, il philadelphia, il burro, il ketchup, lo zenzero grattugiato, sale e pepe.
Frullare il tutto e trasferire il composto in uno stampo spennellato con olio, se si vuole servire intero, lasciandolo riposare in frigorifero per almeno 2 ore sigillato con pellicola trasparente.


Per i crackers al rosmarino

200 gr di farina 0
50 gr di farina integrale
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di rosmarino secco pestato
60 ml. di olio di girasole
80ml. di vino bianco secco
poca acqua calda
1 cucchiaino raso di lievito in polvere

Ho messo nella planetaria le 2 farine, con il sale e il lievito.
Ho azionato le pale e ho aggiunto piano piano il vino, l’olio e poca acqua calda.
Infine il rosmarino triturato fine fine.
Ho impastato per almeno 10 minuti.
Ho dato le forme, palline per i baci di dama, dischi per i simil ringo, e mini grissini, e infornati sulla placca da forno quadrata, senza ungere d`olio, né carta da forno. preriscaldate il forno a 180° e cuoceteli finché hanno un leggero colore dorato, ca. 40min. 


Con questa ricetta partecipo sul filo di lana all'MTC di febbraio!



13 commenti:

  1. Ciao Stella, beh scontato o no è davvero squisito! ciao Alejandra

    RispondiElimina
  2. Davvero sul filo di lana!!! Tempismo perfetto!
    Baci
    Dani

    RispondiElimina
  3. ...ma questo è un post "a luci rosseeeee", sono piegata dal ridere, Silvia! Già solo aprire il post e leggere la didascalia con QUELLA foto... e poi anche che tu ci voglia raccontare la storiella del "..ma non l'ho fatto appoooostaaaaa!!"
    mitica, chissà che coppa ti dedica l'Ale stavolta ;))
    baci, che il paté di tonno nemmeno l'ho mai fatto, chissà che sia la volta ne?

    RispondiElimina
  4. appunto....solo che per superare la Silvia, stavolta, mi sa che ci chiamano la buoncostume, altro che!!! :-))))

    RispondiElimina
  5. Mi stai diventando sconcia! Evviva l'Ele che mangia il tonno e che ama anche il mio polpettone!!!

    RispondiElimina
  6. Stella, non riesco a smettere di ridere!!!!!
    Concordo con Cinzia: voglio vedere che premio ti dedica ALE!
    Chi l'ha detto che il paté di tonno è scontato?! In tutti gli aperitivi, i baci di dama (ricetta della Ale) con il tonno vanno per la maggiore!
    Complimenti.
    Nora

    RispondiElimina
  7. Ah, fortissimaaaaa!!! Sto ridendo ancora!!! Comunque, lo sai che il patè di tonno lo adoro ma a farlo con il Philadelphia non avevo mai pensato...????!!!! Lo faccio oggi stesso!!!!! ^__^
    Franci

    RispondiElimina
  8. Non è scontato il paté di tonno, e tanto meno lo è la tua presentazione!! Le chiappe di dama, i riferimenti fallici e le tue allusioni lo hanno reso originalissimo e imprevisto! Grazie mille, Stella!!!
    Un bacione, Bucci

    RispondiElimina
  9. @ Alex grazie

    @ Dani ero con il cronometro in mano, praticamente.... baci

    @ Cinzia ti giuro, finchè non ho visto le foto al pc non mi ero resa conto dei riferimenti...

    @ Ale addirittura la buoncostume ? :-D

    @ Chiara in effetti un bel contest cibo/sesso non l'ha mai organizzato nessuno ;-)

    @ Nora davvero? Non lo sapevo :-)

    @ Francesca, se vuoi un peté strepitoso metti il burro, poi pero' recuperi con il philadelphia light :-D

    @ Bucci mannaggiaatttte!

    @ Memole è avanzato qualche grissino, non fare i complimenti :-D

    RispondiElimina
  10. bella la tua presentazione!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. E brava la nostra "tonno-star" ;-)

    RispondiElimina
  12. Che scema non ho mai pensato di usare il philadelpia, non mangiando la maionese evitavo la mousse/patè di qualsiasi cosa!!!che dritta mi hai dato!!!il tuo blog mi piace un sacco, devo proprio ringraziare Cinzia!!!

    RispondiElimina