Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 6 ottobre 2011

koulouria ripieni

 -cliccare sulla foto per ingrandirla-

Amore la cena e' appesa al muro.
Faccia del marito sgomenta!!!!

Stellina di mamma la merenda oggi e' con le gocciole!

Faccia di figlia sorpresa, ma con le gocciole conosceva i muffin, qualche volta i pangoccioli ma questi koulouria no, no mai visti! Vabbe' chiamale ciambelle e mangiale che sono buone!

Queste ciambelle sono tipiche greche, esistono sia vuote che ripiene, vengono vendute in strada, tra i mercati, o nelle feste, e io ho scelto di farle ripiene.

Da quando li ho visti da Ornella che volevo farli i koulouria, poi rimanda rimanda, e ora fa caldo, e poi la dieta, e poi le vacanze, insomma per fortuna che con i nostri *** quanti modi di fare e rifare *** non me ne perdo una di prelibatezza!

Ho scelto di farle ripiene con le olive, questi greci sono o no famosi per il pane con le olive?


Poi guardando quelli di Ornella, ho pensato, con i pomodorini e la feta e il basilico fresco debbono essere divini, evvai, pero' li ho lombardizzati con il quartirolo magro! pardon!


Poi ho accontentato pure la figlia, che con i wurstel in questo periodo hanno come una specie di gemellaggio!

Quello ripieno di gocce di cioccolata l'ho ricoperto con le codette colorate.


* prima e dopo la lievitazione *


Non sono venuti proprio proprio perfetti, belli tondi e con il buco al centro, pero' erano buonissimiiiiiii!!!!!!!

Riporto la ricetta presa da Ornella:

  • 350 g di farina 0 (io professionale a media lievitazione)
  • 200 g di latte
  • 5 g di lievito di birra fresco
  • 2 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiai olio di semi di arachidi
  • sesamo 
Nella ciotola della planetaria impastare la farina con il latte tiepido, il lievito, l'olio e il sale.
Lasciare impastare per una ventina di minuti.
Io nell'impasto ho messo tutto latte perche' volevo che le ciambelline venissero belle morbide, visto che la mia bimba e' nella fase di cambio dentini, altrimenti se volete un risultato piu' croccante usate solo acqua.
Quindi formare una palla e mettere a lievitare coperto dalla pellicola finché non raddoppia.
Io avendo usato una farina professionale a media lievitazione, ho messo 1 terz di lievito e fatto lievitare per almeno 5-6 ore.
A questo punto dividere l'impasto in 6-8 pezzi, con l'aiuto del matterello ed un po' di farina, tirare delle sfoglie come nelle foto sopra lunghe almeno 40 cm.
Farcire a piacere, poi arrotolare formando un cordoncino, stringendo un poco per sigillare bene e chiudere ad anello. Versare un po' d'acqua a temperatura ambiente in un piatto fondo, immergere velocemente i koulouria: dentro e fuori, poi passarli in abbondante sesamo. Disporli sopra la carta da forno nella placca, con una forbice da cucina tagliare i bordi per creare (SE VI RIESCE) quel bel ricamo, lasciare lievitare coperti al caldo per un'ora.
Infornare a forno caldo statico 200° per 25-30 minuti, dipende dal forno.

Questa e' la mia proposta per questa iniziativa

Quanti modi di fare e rifare...




Il 6 novembre andremo tutti a Parma, in cucina della mia cara amica Dau per preparare


LA TORTA FRITTA DI PARMA

 

21 commenti:

  1. Grazie carissima, sono veramente belli.
    Per adesso prendo la foto ed il link, ci vediamo dopo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia delle meraviglie !!
    Io quello con la feta lo azzannerei subito !
    Ricetta già copiata. Buona giornata

    RispondiElimina
  3. ma che belli e anche invitante!

    RispondiElimina
  4. mamma mia che ricetta spettacolare, complimenti!!

    RispondiElimina
  5. dunque,ho gia' preso nota per rifasre queste super ciambelline!!!!
    grazie carla

    RispondiElimina
  6. tesoro ma che belli cicciotti gonfiotti che sono! e quanti ripieni hai fatto! ihihih, la cena appesa al muro è troppo forte, avrei voluto vedere l'espressione!
    senti, cambieresti per favore il titolo della ricetta di novembre, ornella si è sbagliata, non è pizza bianca fritta ma torta fritta di parma, eh eh eh, quel che è nostro è nostro!! ahahah!!!

    RispondiElimina
  7. grande Silvia.... sono davvero invitanti, mi sa che li provero'!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Anche a te è scomparso il buco. :)
    Ti sono venuti morbidissimi, buoni i ripieni.

    RispondiElimina
  9. Che bontà! C'è l'imbarazzo della scelta! Li assaggerei tutti, così soffici e buoni! Ciao

    RispondiElimina
  10. belli.... quale posso mangiare??
    mi piace quello col ripieno tricolore

    un caro saluto

    Vale

    RispondiElimina
  11. ma che belle ciambellone ciccione, mi fanno una gola che non ti dico. Non le avevo mai sentite, ma sono da provare!

    RispondiElimina
  12. Anche mio figlio ha chiesto di rifarli, ma con i wurstel...eviterò di fare la purista (solo feta e olive)!!!
    Oltre tutto ho già osato con coppa piacentina e taleggio! bella anche la variante dolce con le codette! Baci

    RispondiElimina
  13. Belli eh? Pero' io li avrei preferiti più croccanti, ma per ora mi tocca accontentare la figlia :-(

    RispondiElimina
  14. Ciao Stella!!!!!! ma che belli anche i tuoi!!!!!!! era da tanto che non passavo a trovarti e mi sono persa tante cose!!!!! mmmm ora mi avete proprio incuriosito e vorrei provarli anche io!!
    ciao cara

    RispondiElimina
  15. la cena appesa al muro mi è piaciuta troppo!! eh eh
    ti sono venuti benissimo, perfetti!
    buon we stellina!

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia! Non conoscevo queste ciambelline, ma mi sa che posso dare grandissime soddisfazioni!
    Un bacione e buon we!

    RispondiElimina
  17. stupende in tutte le versioni, scusa se arrivo solo ora da te ma ero in viaggio (quello vinto con il contest di atmosfera italiana). un baciotto

    RispondiElimina
  18. Ciao cara Stella..sempre ultima, ma arrivo :-) Ti sono venuti benissimo e mi fa piacere che vi siano piaciuti! Prendo foto e link, un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  19. grazie per esserti iscritta al mio blog passa da me quando vuoi o semplicemente per lasciare un commento...
    ho letto! Questi simil focaccine/panini sono ottimi.. ma perchè hanno questo strano nome, mi incuriosisce. Esiste una tradizione? ;)

    RispondiElimina